Lead and Gold: Gangs of the Wild West: qualche anteprima

Di

Lead and Gold: Gangs of the Wild West (Letteralmente, ‘Piombo e oro: gang dell’ovest selvaggio’) è un sparatutto multiplayer in terza persona sviluppato da Fatshark per Microsoft Windows, per Xbox 360 e per PS3.

Nel videogioco, ambientato nel Far West, compaiono quattro classi di personaggi tra cui scegliere, ognuna delle quali con armi, abilità e ‘sinergie’ personali. Dove per sinergia si intende la capacità di potenziare le abilità dei propri compagni di squadra: si tratta infatti di un videogioco cooperativo, dove il lavoro in team sarà importante tanto quanto la crescita personale per riuscire a vincere. Le quattro classi indicano specializzazioni diverse: via via che si sale di livello si acquistano potenziamenti per se stessi e bonus per gli alleati.

I duelli sono continui, in ambientazioni che vanno dai canyon alle città americane dei pionieri: per molti versi sarà come tuffarsi in un  film di Sergio Leone!

Il gioco è già uscito negli USA e il sito GameSpot lo valuta con un buon 7/10, definendolo un gioco divertente, diretto, dall’azione veloce. Pare articolarmente riuscita la declinazione delle varie classi e, sempre secondo il recensore anglosassone, la partecipazione ai duelli dà molta soddisfazione al gamer. Ottima anche la grafica. Peccato che, finché il numero dei giocatori resta limitato, sia estremamente improbabile trovare compagni di avventura capaci. Si sente anche la mancanza di una chat audio. In ogni caso, il prezzo del video game (14,99 dollari) è contenuto, considerato tutto quello che ha da offrire.

1 commento su “Lead and Gold: Gangs of the Wild West: qualche anteprima”
  1. how much should i weigh ha detto:

    lol sweet stuff man.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2023, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009