Costruitevi la vostra casa nello spazio con WildStar

Di

WildStar_probotNon credo ci sia alcun problema ad ammettere che i nuovi MMORPG che si affacciano continuamente sul mercato soffrono da molti anni lo stesso problema: il confronto con lo strapotere di World of Warcraft. Non fraintendetemi: ci sono parecchi titoli di successo e tanti altri ancora comunque molto amati da una base fedelissima di fan, ma ogni anno si parla di cedimenti e flessioni da parte della Blizzard e ogni anno WoW continua a rimanere sulla cresta dell’onda.

Come fare per cercare di contrastare quello che non è un monopolio ma è sicuramente un’influenza eccessiva?
Non c’è nessun tipo di ricetta: sono state tentate varie soluzioni con risultati poco chiari, si può però pensare che il cercare in qualche modo di distanziarsi il più possibile dal modello proposto da Activision sia una via consigliabile.

E WildStar, nuovo prodotto degli esperti dev di NCSoft (Guild Wars 2, Aion), ora in open beta per una decina di giorni, prova a differenziarsi in vari campi anche se finisce con il ricadere nell’imitazione per quanto riguarda certi altri aspetti.

Siamo nello spazio e due fazioni avverse, composte da diverse razze, si danno battaglia per controllare il Nexus, un luogo che nasconde la chiave per il potere assoluto, tramite i segreti lasciati dagli Eldan, una razza iper-tecnologica scomparsa molto tempo fa.

Avrete la consueta scelta fra fazioni (gli Exiles e i Dominion), poi fra razze e quindi fra classi, nulla di nuovo sotto il sole, così come non è certo rivoluzionario il fatto che all’interno della vostra classe potrete scegliere alcuni percorsi (i Paths) diversi.

Dove WildStar riuscirà magari a proporre qualcosa di diverso è nell’housing e nel sistema di combattimento. Potrete infatti costruire la vostra casa su Nexus (un po’ come accadeva in Ultima Online e, a cascata, in vari altri MMORPG), personalizzandola come meglio credete: reclamate i vostri diritti su un appezzamento di terreno e cominciate a costruire!

L’altro elemento di differenziazione è da cercarsi nel combattimento: il targeting è continuamente manuale, senza facile abuso del tab e utilizza un non meglio definito “innovative telegraph system”: ovviamente anche il nemico farà lo stesso e quindi il dodge diventa una abilità di base importantissima (come da tradizione NCSoft), fondamentale per evitare buona parte dei danni, al netto di armature, healing e altro ancora.

Basteranno questi due elementi? La sensazione, ahimè, è che non si possa far molto altro che attendere la morte “naturale” di WoW (che perde sì giocatori ogni anno, ma a un ritmo invidiabilmente lento) e il riversarsi del suo bacino di player in vari altri titoli.
Nel frattempo però WildStar ci sembra una ottima soluzione alternativa e, cosa ancora più importante, testare le sue potenzialità è assolutamente gratuito per una decina di giorni.

Visitate il (bel) sito ufficiale di WildStar per scaricare il client dell’open beta e nel frattempo date uno sguardo a questo trailer.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2023, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009