Little alchemy: divertiti a fare il piccolo chimico

Di , scritto il 26 Marzo 2016

little-alchemySi sa, da piccoli molti si sono fatti regalare e/o abbiamo giocato al famoso gioco del “piccolo chimico” cercando di fare intrugli ed esperimenti per scoprire cosa succedeva se si mischiava questo con quello.

Il tutto, avveniva non con poche paure dei nostri genitori che ci vedevano scorazzare per casa con in mano alambicchi schiumanti e liquidi sconosciuti, che da un momento all’altro potevano cadere e rovinare tavolo o pavimento.

Al giorno d’oggi fortunatamente, possiamo divertirci a fare i “piccoli chimici” senza spender soldi e senza correre rischi di combinare guai con intrugli sconosciuti.

Sul sito di Poki.it, abbiamo trovato questo simpatico giochino chiamato appunto Little Alchemy (lo potete giocare cliccando qui ) che vi permetterà di scoprire nuovi elementi mischiandoli con altri.

Giocarci è semplicissimo: basta trascinare gli elementi base che si trovano sulla colonna di destra e che ci vengono forniti alla partenza del gioco, nell’area degli esperimenti e mischiandoli tra loro (ad esempio acqua con fuoco per ottenere il vapore) ottenere nuovi elementi che finiranno automaticamente nella colonna di destra pronti per essere utilizzati e mischiati con altri elementi per trovarne ancora di nuovi.

Non pensate che sia facile o elementare, ci sono ben 560 elementi da scoprire e ogni volta che se ne scopre uno nuovo, un contatore ci dice quanti ne abbiamo trovati e quanti ancora ne dobbiamo trovare. Se dopo un po’ di tentativi non scopriamo nuovi elementi, il gioco ci suggerisce l’elemento che possiamo trovare con quelli che abbiamo già.

Un gioco divertente e allo stesso tempo istruttivo.. Buone scoperte!

 



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009