Ma davvero Electronic Arts è la peggiore di tutti?

Di , scritto il 12 Aprile 2012

electronic_arts_Golden_pooLa notizia ha già fatto il giro del mondo, facendo discutere sia la comunità dei videogiocatori che, per altri versi, anche le persone che si interessano poco o nulla di videogames: Electronic Arts ha recentemente vinto il famigerato Golden Poo 2012, il premio come Peggiore Compagnia degli USA organizzato da Consumerist, battendo in finale addirittura la Bank of America, il tutto con più di 250.000 votanti.

A nostro parere ci sono due riflessioni ben distinte da fare: da un lato ha ragione John Reseburg, Senior Director of Corporate Communications di EA, quando, rispondendo in merito alla vittoria di questo premio, afferma:

“Siamo convinti che British Petroleum, AIG, Philip Morris e Halliburton siano sollevate dalla loro assenza tra le candidate, quest’anno. Noi continueremo a produrre giochi pluripremiati e servizi utilizzati da più di 300 milioni di utenti nel mondo”.

Vero, ci sono multinazionali ben più dannose al mondo e nominare una compagnia di videogiochi sembra una scelta ben poco consapevole da parte dei consumatori.

Detto questo, bisogna però ammettere che poche compagnie sanno attirarsi più odio di Electronic Arts nel mondo videoludico: negli ultimi tempi ha in pratica rovinato ogni suo brand con nuovi episodi sempre peggiori rispetto ai precedenti, ha tonnellate di DLC, il finale di Mass Effect III ha fatto discutere mezzo mondo e il servizio di assistenza al cliente è disastroso, per non parlare del fatto che ogni volta che inglobano qualche piccola società indipendente finiscono con il rovinarla almeno in parte.

Quindi se non merita il titolo di peggior compagnia degli USA a livello generale, forse merita quello riguardante la categoria videogiochi. Ma, e bisogna essere onesti, ci sono altre due o tre grosse società che possono competere con lei anche in questo campo: Ubisoft non brilla certo sotto molti aspetti e Activision lascia a desiderare in molti campi, tanto per nominare due compagnie importanti e conosciute.

E voi cosa ne pensate? Anche per voi EA è la peggiore compagnia nel settore videogames?


4 commenti su “Ma davvero Electronic Arts è la peggiore di tutti?”
  1. […] Più di cento milioni di copie vendute dal 1994 a oggi: se volessimo riassumere in pochissime parole la nota serie di videogiochi Need For Speed forse basterebbe questo dato. Famosissima franchise di games sul mondo delle macchine rilasciata su PC e varie console, Need For Speed ha conosciuto tantissime incarnazioni, dalla corsa pura e semplice all’inseguimento polizia-criminali, dal rally allo street racing: inevitabile che con un successo del genere prima o poi il mondo del cinema si interessasse a questo titolo prodotto da Electronic Arts. […]

  2. […] linfa vitale in un sottogenere particolare come quello che mischia arcade e simulazioni sportive, Electronic Arts ha deciso, in occasione di Fifa Street 4, di donare al giocatore una grande varietà di scelte che […]

  3. […] Più di cento milioni di copie vendute dal 1994 a oggi: se volessimo riassumere in pochissime parole la nota serie di videogiochi Need For Speed forse basterebbe questo dato. Famosissima franchise di games sul mondo delle macchine rilasciata su PC e varie console, Need For Speed ha conosciuto tantissime incarnazioni, dalla corsa pura e semplice all’inseguimento polizia-criminali, dal rally allo street racing: inevitabile che con un successo del genere prima o poi il mondo del cinema si interessasse a questo titolo prodotto da Electronic Arts. […]

  4. Carlo ha detto:

    Sììì saranno 10 anni che lotto per cercare di infondere nei videogiocatori la consapevolezza che l’EA fa solo danni e sforna merda!!!! Che bella soddisfazione, ma che bella soddisfazione questo premio!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009