Color Switch: appassionante gioco per PC

Di , scritto il 04 Marzo 2016

color-switchColor Switch è il classico giochino da PC adatto a tutte le età e utile per prendersi qualche minuto di relax e staccare dalla routine lavorativa. Attenzione però, siccome è appassionante e divertente, rischia di farvi perdere diversi minuti se non delle ore senza accorgervene.

Lo scopo del gioco è far rimbalzare la pallina bianca che vedete nel disegno qui a fianco, cliccando sul tasto sinistro del mouse. Quando la pallina bianca  incontra la pallina “cambia colore” (da qui color switch) assume un colore a caso tra giallo, viola, blu e azzurro. Sempre cliccando sul mouse per farla rimbalzare, bisogna farla entrare nel cerchio ruotante colorato facendola passare solo attraverso il segmento di pari colore della pallina.

Riusciti ad entrare all’interno del cerchio, sempre facendo rimbalzare la pallina, occorre anche farla uscire sempre passando attraverso il segmento colorato uguale al colore della pallina.

Attenzione, perché appena usciti dal cerchio rotante colorato, incontrerete un’altra pallina “Color Switch” che cambierà nuovamente colore e il gioco passa allo step successivo e così via.

Tante le forme geometriche rotanti (quadrati, triangoli ecc.) a disposizione – ma non solo. Ci sono anche tanti “cancelli” da superare sempre facendo attenzione al colore del momento della pallina.

Un giochino semplice ma entusiasmante che farà divertire piccoli e grandi giocatori.


1 commento su “Color Switch: appassionante gioco per PC”
  1. […] molto tempo fa parlavamo con entusiasmo sulle nostre pagine del nuovo gioco online Color Switch, delle regole e dei meccanismi del gioco. Lo si trova su questa pagina del sito Poki.com, la famosa […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009