PlayerZ: una sitcom dedicata agli appassionati di videogiochi

Di

Nasce da un’idea di Matteo Branciamore e Giorgio Croce Nanni ed è già in onda sulla piattaforma Got Game una sitcom davvero originale: si intitola PlayerZ e nasconde nel nome i due concetti chiave: il gaming e la generazione Z.

Si tratta della storia di due ragazzi vicini di casa, Marco e Ludovico (rispettivamente di 17 e 21 anni) che sognano di diventare streamer professionisti. Hanno caratteri molto diversi ma sono accomunati dalla passione per i videogiochi. Pertanto allestiscono un stanza apposita nella mansarda e mirano ad aprire un canale Twitch su cui trasmettere. Il giorno cruciale dell’inizio viene spostato in avanti per varie volte, in attesa del giorno perfetto, che tuttavia sembra ancora lontano. Le vicende presentate avvengono mentre i due ragazzi giocano ai loro game preferiti. Perciò li vediamo giocare e al tempo stesso parlare, mangiare, studiare, interagire con altri, fare riflessioni, litigare, confidarsi dei segreti.

Ogni cosa viene rappresentata all’interno di quel mondo della “tana” dei ragazzi, usando la prospettiva dell’occhio della camera della console. Si sentono le madri apprensive, ma rimangono lontane. Per i ragazzi i reali doveri sono gli ostacoli da superare per vincere al successivo livello del videogioco o i sogni di gloria sul social network. Tutto questo farcito di risate e situazioni assurde. Nelle intenzioni degli autori questa sketch comedy dovrebbe piacere sia ai gamer che al pubblico più ampio e generalista.

La piattaforma Got Game è gartuita e offre programmi su videogiochi, anime, prodotti tecnologici. Attualmente è disponibile su: Rakuten TV (canale 174), Samsung TV Plus (canale 4128) e lke TV LG (canale 293).


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009