I videogame possono aiutare a curare gli occhi dei bambini

Di

I genitori preoccupati e rassegnati davanti alla passione dei figli per i videogiochi possono tirare un sospiro di sollievo. Pare infatti che passare un’ora al giorno a sparare agli alieni o a guadagnare livelli premendo sui tasti di una console aiuti a combattere l’ambliopia, più conosciuta come “sindrome dell’ occhio pigro”.

Secondo uno studio americano che ha usato i videogiochi come parte della cura, il 30% dei ragazzi tra i 10 e i 18 anni ha avuto guadagni significativi della vista. E il 60% ha mostrato comunque un qualche miglioramento. I bambini che hanno partecipato allo studio dovevano portare occhiali speciali per due ore al giorno – occhiali che bloccavano l’occhio forte e costringevano l’occhio debole a lavorare.

Gli stessi ricercatori sono rimasti sorpresi dai risultati, ma avvertono i genitori: la ricerca è ancora nelle fasi iniziali – non bisogna cercare di curare da soli il problema dell’occhio pigro, ma sempre cercare le prescrizioni di un oculista.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2023, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009