Hellraid: un trailer che ricorda un librogame

Di

Hellraid_TechlandRicordate Lupo Solitario e tutti gli altri librigame?
Anni Ottanta, sfogliavi il volume e vivevi l’avventura in modo non lineare, dovevi scegliere fra varie opzioni alla fine di ogni pagina ecc ecc?

Facciamo un salto in avanti di qualche decade e ci imbattiamo in Techland, uno studio polacco che ha già fatto parlare di sé con Dead Island, sviluppato tramite Chrome Engine 5, e che ora ci prova nuovamente con Hellraid un FPS/slasher privo di fronzoli nel quale esplorerete un castello e combatterete contro orde di non morti usando armi e magia.

Dopo un primo trailer di tipo tradizionale ecco che Techland, in vista della distribuzione, lancia un filmato diverso dalla media, un video che appunto ci ricorda i librigame. Edyn’s Escape, questo il titolo del trailer, vi costringerà frequentemente a delle scelte (apro la cassa o prendo la pozione? Esploro la stanza o continuo lungo il corridoio? E così via…) che porteranno, altrettanto spesso, a conseguenze mortali.
Provate a dargli un’occhiata, tenendo conto che, se proprio volete qualche consiglio, è preferibile dirigersi a destra e spada e scudo sono i vostri amici.

Gli sviluppatori non hanno ancora ben precisato le caratteristiche del gioco, in particolare per quel che riguarda la modalità multiplayer, facile però immaginare una serie di mappe open ended, possibilità di scelta fra Mago, Guerriero, Ladro e Paladino, con una buona attenzione alle funzioni co-op di alcuni incantesimi e grande attenzione verso i combattimenti in generale, ma scopriremo ogni segreto di Hellraid ben presto, visto che il titolo è previsto in uscita entro la fine dell’anno.
Eccovi il trailer interattivo: occhio alle scelte e buon gioco!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2023, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009