Farmerama: gioca e trasforma la fattoria in un’azienda agricola di successo!

Di

Gli aficionados del mondo agricolo avranno pane per i loro denti, anzi avranno semi per il loro orto, perché è arrivato un gioco che potrebbe fare molta concorrenza a Farmville, ma senza passare da Facebook, bensì giocando direttamente online dal proprio browser. Stiamo parlando di Farmerama, che tra l’altro è stato insignito del premio Best European Browsergame!

Il gioco è un MMORPG che permette di indossare i panni di un contadino agricolo e di coltivare i terreni e le piante della propria fattoria. Come ogni buona trasposizione tratta dalla realtà agricola, il gioco permette anche di allevare animali, di tenere d’occhio i propri granai e le proprie coltivazioni, che  si possono far crescere anche mediante l’utilizzo del acqua presente nella cisterna. Più sarete bravi a mandare avanti la vostra azienda più clienti avrete.

I prodotti che otterrete dai vostri terreni potrete venderli agli altri utenti a un prezzo più o meno alto a seconda delle vostre necessità, oppure – se non trovate acquirenti – potrete sempre smerciarla al mercato. I quattrini che guadagnerete potranno essere messi su un conto bancario virtuale. Sul sito è presente naturalmente anche una chat con la quale interloquire con gli altri giocatori, come avviene per tutti i MMORPG che si rispettino.

Però nel corso del gioco dovrete difendere i frutti del vostro sudore dai rivali delle altre fattorie che  passeranno a rubarvi i raccolti, perciò fate molta attenzione.

A ogni livello si aggiungono terreni e animali nuovi e nuove missioni da affrontare. Sarete capaci di diventare i signori indiscussi dell’agricoltura? Vi lanciamo la sfida.

Luca Grassia


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2023, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009