Cave Story: un tuffo nel passato con questo platform rispolverato per Wii

Di

schermata unoCave Story è un titolo particolare, soprattutto per una console come la Wii. Ricordiamo per chi non ci avesse giocato nel 2004, che si tratta di un platform-adventure freeware proveniente dal mondo dei giochi per PC, progettato dal mitico Pixel (al secolo Daisuke Amaya) nel suo tempo libero.

Il gioco è in 2D e può essere considerato un omaggio al mondo dei videogiochi classici (primi tra tutti, Metroid e Castelsilvania). Il titolo è considerato a tutti gli effetti un indie game. Dopo aver vinto numerosi premi, Pixel è stato chiamato per lavorare alla versione del gioco per Wii, che a sua volta gli ha portato vari importanti riconoscimenti, tra cui il “Game Awards of the Year 2010” e il “WiiWare of the Year 2010”.

La storia narra di un personaggio smemorato che si risveglia in una caverna piena di mostri e creature; nella grotta viene a scoprire l’esistenza di un dottore megalomane che, per conquistare il mondo, vorrebbe obbligare tutti gli abitanti della caverna a collaborare con lui per raggiungere il suo scopo. Il nostro eroe decide così di impedire questa aberrazione, ostacolando i piani del malvagio di turno.

schermata treIl personaggio è guidato dal classico pad di controllo (ovvero il vostro joystick) in livelli che presentano sezioni di piattaforma, ma anche di complessi rompicapo da risolvere; dovrete anche abbattere i nemici con le armi che avrete a disposizione (vi ricordiamo che attraverso la pressione di un tasto potrete anche attivare le armi multiple!). Abbattuti i nemici, avanzando potrete guadagnare punti esperienza utili al vostro eroe e alle vostre armi che potranno salire fino al livello tre. Ma se sarete colpiti, i punti di esperienza caleranno. Salute e upgrade vari sono presenti nel corso del gioco in quasi tutti i livelli e il giocatore potrà interagire con gli oggetti-player e non dell’ambiente circostante, premendo il pad verso il basso.schermata due

Il character design del gioco per Wii è stato nettamente migliorato, così come la grafica, le musiche e la giocabilità (senza sacrificare alcun elemento dell’originale). Una versione sta per arrivare anche su Nintendo DS. Il gioco, è stato già pubblicato in versione demo sul Wii Store per ora, ma da come è stato accolto, sembra un successo annunciato; la storia appassiona quasi quanto i fatti che girano intorno al titolo e al suo creatore (sembra infatti che Pixel avesse avuto dei contatti per pubblicare il gioco anche per conto di Sony e altre case). Alcune riviste online l’hanno definito un’opera d’arte nel mondo dei videogiochi, altri l’hanno fatto entrare nella classifica dei migliori 50 giochi freeware mai inventati.

Per un titolo che ha affrontato tante vicende burocratiche e difficoltà economiche, uscire su una console come la Wii, vuol dire trovare finalmente pace, sia per il gioco che per il creatore. Cave Story, come ogni gioco veramente degno di questo nome, ha una longevità veramente infinita. A quelli che storceranno il naso per le caratteristiche un po’ retrò diciamo questo: non sempre grafica evoluta vuol dire gioco ben riuscito!

Luca Grassia


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2023, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009