Giocare a biliardo su Android: 3 buone proposte

Di , scritto il 30 Maggio 2018

Giocare a biliardo: che passione! Sarebbe bello averne uno vero in casa, ma quanti di noi possono permetterselo? Dobbiamo accontentarci di un’alternativa digitale. E se siamo utenti Android, meglio optare per titoli con una buona grafica e controlli di gioco facili ed efficienti: abbiamo selezionato tre valide applicazioni per voi, tutte gratuite.

8 Ball Pool
Si tratta di un titolo vanta oltre 100 milioni di download dal Google Play Store. Permette di giocare con gli amici, previo allenamento nell’arena. Si può gareggiare uno contro uno oppure in tornei da 8 giocatori per vincere trofei e stecche esclusive. Nelle partite competitive 1 contro 1 ci sono delle monete in palio, utilizzabili ins seguito per accedere a partite di rango superiore con premi in palio più alti o per comprare nuovi oggetti nel negozio.

Biliardo – Pool Billiards Pro è un’altra ottima alternativa a costo zero, anch’essa molto scaricata (oltre 100 milioni di download). All’inizio del gioco si può scegliere tra varie modalità di gioco: 8 palle e 9 palle da biliardo, modalità giocatore singolo, modalità tempo, modalità JvsComputer, modalità online e persino una modalità Arcade con 90 livelli. L’importante è colpire le palle con le migliori tecniche e ricordare che le pareti del tavolo servono come aiuto nei giochi difficili.

Billiards City
Questa applicazione vanta uno stile particolarmente moderno, con una grafica curata e alta velocità. Tra le più caratteristiche più importanti del titolo troviamo la possibilità di vincere trofei nei tornei, di affrontare sfide a diversi livelli. I controlli sono realistici e non eccessivamente, quindi non avranno problemi neppure i neofiti.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009