Shark Attack Deathmatch, il nome dice tutto

Di , scritto il 20 Marzo 2014

Shark-Attack-DeathmatchGli squali sono un mio punto debole. Anche ragni, bambole e clown, ma gli squali forse vincono questa particolare gara di morbosa fascinazione: ficcate uno di questi predatori dentro un film, un videogame, un fumetto, un libro o dove volete ed è probabile che vincerete la mia curiosità e interesse.

Questo è il motivo per cui mi sono avvicinato a un titolo come Shark Attack Deathmatch, che ha ottenuto buoni risultati su Xbox Live Indie Game e tenta ora la strada di Steam Greenlight introducendo parecchi miglioramenti sulla sua ricetta base di combattimenti subacquei.

Vi troverete quindi dentro particolari aree di combattimento a sfidare altri giocatori a colpi di fucile, arpioni e altro ancora, il tutto mentre nello stesso spazio marino dove state lottando per la vita si aggirano pericolosi squali bianchi.

Gran parte del fascino di shooter come questi risiede più che altro nell’atmosfera che riescono a creare e nella gestione dell’elemento sorpresa, con una tensione costante e l’esigenza di controllare spesso le acque che vi circondano, a 360 gradi.

Fra le migliorie previste nel caso che Shark Attack Deathmatch riesca a sbarcare su Steam abbiamo:

Numero maggiore di scenari e mappe;
Opportunità di impersonare uno squalo in alcune modalità;
Un maggiore scelta di armi ed equipaggiamento;
Più razze di squali e altre pericolose creature marine;
Personalizzazione del proprio personaggio;
Grafica migliorata sia nelle texture che negli effetti;
Varie modalità di multiplayer, compreso il co-op.

Eccovi sette minuti di combattimento subacqueo e il link alla pagina Steam Greenlight di Shark Attack Deathmatch!



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009