Amy: torna (e delude) il survival horror

Di , scritto il 19 Gennaio 2012

Amy_survival_horrorFin dai primi annunci sui media, parecchio tempo fa, le aspettative per Amy, il survival horror creato da Vector Cell, erano piuttosto alte.
In tempi di abbondanza di zombie e ogni altro tipo di morto vivente sugli schermi cinematografici non è, stranamente, facile trovare titoli decenti nel mercato dei videogiochi e la meccanica peculiare proposta dagli sviluppatori faceva ben sperare.

L’ambientazione è spostata in un futuro prossimo non meglio identificato e la storia segue due personaggi che lavorano in simbiosi anche se coi comandi ne gestiamo solo uno: Lana, una donna che accompagna una taciturna bambina di nome Amy.

Le due sono fuggite da un misterioso istituto proprio poco prima di una terribile epidemia che riduce gli esseri umani a mostri simili a zombie e la bambina sembra essere la chiave di tutta la situazione di crisi. Dotata di non molto precisati poteri, Amy riesce ad annullare gli effetti della malattia con la sua mera presenza e Lana, anche lei purtroppo infetta, non dovrà quindi perdere di vista la bambina, pena il trasformarsi irrimediabilmente in uno zombie.

Come vedete, il progetto sulla carta ha ottime potenzialità: Lana è la classica eroina senza molte specializzazioni che si arrangia con ogni mezzo che trova a disposizione e Amy la potenzia di quando in quando grazie anche a strani simboli di potere che riesce a gestire tramite il suo Pad ma il tutto, tradotto quindi in azione per Xbox, PC e PS3, non sembra aver colto nel segno.

I principali siti e riviste che si occupano di videogame paiono concordi nell’assegnare voti mediocri a questo survival horror, vuoi per la cattiva gestione dei personaggi, vuoi per alcuni bug gravi frutto di mancate sessioni di testing e vuoi ancora per certe difficoltà nei salvataggi e falle logiche e concettuali sparse per tutto il gioco.

Un vero peccato, perché alcune atmosfere intraviste nei filmati e durante alcune sedute di gioco sembravano comunque efficaci e perché c’è un forte bisogno di qualche nuova franchise che porti novità in un sottogenere avaro di emozioni forti e titoli longevi.

Può comunque valere la pena, per chi è davvero appassionato di epidemie e horror, tentare di giocare il tutto, visto anche il prezzo molto basso del titolo.


1 commento su “Amy: torna (e delude) il survival horror”
  1. […] il titolo di miglior survival horror di sempre e se qualche giorno fa vi avevamo parlato di Amy, un titolo che ci ha lasciato più dubbi che certezze, ecco che per fortuna Capcom promette invece […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009