Razer Phone 2: un telefono ottimizzato per il gaming

Di , scritto il 16 Ottobre 2018

Razer Phone 2 è la seconda versione di uno smartphone messo a punto da Razer, azienda specializzata nella produzione di prodotti destinati ai videogiochi. Si tratta di un dispositivo Android concepito per essere un vero e proprio centro multimediale mobile.

A differenza del suo predecessore, questo modello offre uno schermo potenziato (il 50% più luminoso), con frequenza di refresh di 120 Hz e supporto per i contenuti HDR. Il touchscreen UltraMotion di 5.7″ integrato è al momento lo schermo più veloce per il gioco mobile. Notevolissimo anche il nuovo processore Qualcomm Snapdragon 845 a 2.8GHz, che offre il 30% di prestazioni in più, più 8 Gigabyte di RAM e un’avanzata tecnologia di raffreddamento – che permette di migliorare notevolmente le prestazioni del device.

Presente anche un doppio sistema di fotocamera posteriore con sensori IMX di Sony (12 MP angolari con OIS e 12 MP tele con zoom x2). A questo si aggiunge un sistema di ricarica wireless veloce, resistenza all’acqua nel rispetto dlla norma IP67. Ultimo, ma interessante l’accattivante logo illuminato sul retro del dispositivo che sfrutta la tecnologia Razer Chroma.

Per completare l’esperienza di gioco, ci sono altoparlanti anteriori stereo Dolby Atmos che supportano l’HDR e il suono surround 5.1. Inoltre, l’azienda lancerà sul mercato anche una serie di articoli che gli utenti possono acquistare separatamente, come il gamepad mobile Razer Raiju Mobile e l’auricolare RAZER Hammerhead USB-C.

Il nuovo smartphone sarà disponibile in due varianti di nero: il primo “a specchio” con 64 GB di storage e il secondo “satinato”, con 128 GB di storage. Costerà 799 dollari.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009