World of Warcraft in calo, Modern Warfare 3 parte col botto

Di , scritto il 10 Novembre 2011

wow-WarcraftSolo ieri abbiamo discusso di alcune delle caratteristiche di Call of Duty: Modern Warfare 3 ed ecco che dopo appena 24 ore dal suo lancio arriva la risposta dei giocatori, una risposta che non lascia nessun tipo di dubbio: 9,3 milioni di copie vendute in tutto il mondo in sole 24 ore.

Le vendite sono da ripartire fra circa 5 milioni per la Xbox 360, un 4 milioni per PS3 e il resto fra PC e Wii, con un balzo in avanti enorme rispetto al precedente capitolo. Gran parte delle vendite sono state effettuate fra USA e Regno Unito, circa il 75% e si prevede che entro la fine della settimana l’intera franchise avrà venduto oltre 100 milioni di copie ai giocatori.

Tutto questo mentre per un altro gioco si comincia a parlare di una flessione sempre più evidente: la Blizzard ha annunciato che da giugno a settembre il suo MMORPG, World of Warcraft, ha perso circa 800.000 giocatori, cui si devono aggiungere i 300.000 persi durante i primi sei mesi dell’anno per un preoccupante totale di 1,1 milioni di player smarriti durante un anno che non è ancora giunto al termine.

La Blizzard cercherà di correre ai ripari con la nuova espansione e il continente di Pandaria, con una serie di trovate che sembrano dirette a un giocatore di età bassa, ma fra uscite varie per il periodo di Natale e la concorrenza di altri MMORPG più moderni quali l’imminente Star Wars: The Old Republic, il futuro non sembra roseo per quello che rimane comunque ancora il gioco di ruolo online più giocato, con circa 10 milioni di adepti.

Vedremo ora se da qui a fine dicembre qualche altra nuova uscita riuscirà a battere il record di Modern Warfare 3, ma sembra impresa difficile!



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009