L’evoluzione dei casinò online, dai primi software al gioco live

Di , scritto il 20 Luglio 2017

La storia dei casinò online è iniziata più di vent’anni fa e continua a evolversi stando al passo con le nuove tecnologie e riscuotendo sempre enorme successo.

Dalle affascinanti case da gioco tradizionali, che hanno sempre goduto di un fascino speciale nell’immaginario collettivo, anche grazie a romanzi e film ambientati in luoghi mitici e opulenti come Las Vegas o Montecarlo, a partire dalla metà degli anni Novanta la diffusione dei servizi su Internet e la messa a punto di mezzi di pagamento elettronici ha favorito il graduale sviluppo dei casinò online. Il primo paese a regolamentare il gambling online è stato la nazione caraibica di Antigua e Barbados nel 1994. I primi software dedicati a questo settore erano indubbiamente interessanti ma non ancora sicuri, né per il fornitore dei servizi, né per l’utente. Già nel 1995 fu perciò ideato un primo protocollo di comunicazione criptato che rendesse sicure le transizioni di denaro sulla Rete. Da quel momento in poi è stato lanciato un gran numero di tipologie di giochi online: slot machine, slot con jackpot progressivo (in cui il montepremi si accumula mediante le giocate di più dispostivi connessi tra di loro mediante un server), poker online, blackjack, roulette – per citare solo i più conosciuti.

Nei primi anni del XXI secolo si è assistito a un vero a proprio boom delle case da gioco online, che ha portato presto a prese di posizione legislative più o meno severe nei vari paesi del mondo. Ad esempio, nel 2005 il governo inglese ha approvato il Gambling Act, una normativa assai liberale in materia di gioco d’azzardo, mentre l’anno successivo negli Stati Uniti è stata approvata la UIGEA, una legge che rendi illegali le transazioni online per banche e istituzioni che emettono carte di credito. In Italia a partire dal 2006 è stato avviato un sistema monopolistico, ovvero sono stati permessi soltanto i casinò in rete con licenza AAMS (l’acronimo indica l’organo di stato addetto alla gestione del gioco) che reindirizzano il dominio del casinò su una pagina dei Monopoli di Stato. I siti non conformi sono stati oscurati.

Sotto il profilo più prettamente tecnico gli ultimi dieci anni hanno visto la crescita esponenziale dei giochi di casinò in versione mobile, con la messa a punto di applicazioni per smartphone e tablet. La fase successiva dell’evoluzione è stata quella del social gambling, ovvero del gioco online che si disputa con amici e conoscenti direttamente sui social media come Facebook. A questi ultimi due fenomeni è purtroppo collegato anche quello dei minori che si connettono e giocano dichiarando un’età superiore a quella reale.

La più recente e importante innovazione nella galassia del gioco online è costituita dai giochi live, che si trovano sui portali più avanzati come Netbet, nato nel 2008 e munito di licenza AAMS. Si parla di gioco dal vivo perché in questo caso si sfrutta le potenzialità della webcam per rendere più viva l’esperienza: dalla comodità di casa propria gli utenti possono giocare in presenza di un croupier in carne e ossa: il professionista muove fisicamente le carte, mentre i giocatori connessi da ogni parte del mondo prestano attenzione alle sue mosse.

Quali sono le caratteristiche di un valido casinò online? Deve garantire un ambiente di gioco gradevole e sicuro, possibilmente un’ampio ventaglio di titoli (roulette, slot machines, tavoli da blackjack, videopoker), con grafica e audio di alta qualità. Consigliabile anche optare per i servizi che offrono di una chat mediante la quale sarà possibile socializzare e comunicare nel corso le partite. Se poi ci sono statistiche di gioco in tempo reale, bonus e promozioni esclusive, ancora meglio!



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloGames.it – Guida su videogiochi e console supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009